A ZELO UNA ZTL PERMETTERÀ L’INGRESSO IN SICUREZZA A SCUOLA

Pubblicato il 7 dicembre 2022 • Avvisi - Primo Piano , Comunicati del Sindaco

(Zelo Buon Persico, 6 dicembre 2022)

«Una zona a traffico limitato per l’accesso a scuola in sicurezza dei nostri alunni e delle famiglie», così il sindaco Angelo Madonini commenta l’introduzione dei nuovi provvedimenti viabilistici temporanei in corrispondenza della secondaria di primo grado “Carlo Cattaneo di via Fratelli Cervi. Un’iniziativa promossa in via sperimentale dall’Amministrazione comunale, in collaborazione con l’Unione Nord Lodigiano, per garantire uno spazio protetto agli utenti in attesa dell’inizio delle lezioni e maggiore tutela agli studenti che scendono dai bus.

L’istituzione della ZTL diverrà effettiva da lunedì 12 dicembre e comporterà alcune modifiche alla circolazione nel tratto di via Fratelli Cervi, compreso tra via Sant’Antonio e l’area mercatale, valide esclusivamente da lunedì a venerdì, nella fascia oraria compresa tra le 7.45 e le 8.15, eccetto che per i mezzi pubblici e muniti di contrassegno per invalidi.

Ecco il dettaglio dei provvedimenti:

- in via Fratelli Cervi, all’intersezione con via Sant’Antonio, obbligo di svolta a sinistra verso quest’ultima;

- in via Sant’Antonio, all’intersezione con via Fratelli Cervi, obbligo di svolta a sinistra su via Fratelli Cervi;

- in via Fratelli Cervi, all’altezza dell’immissione nel parcheggio Affidea, divieto di transito.

«La scelta di ricorrere a queste misure, dopo le opportune verifiche effettuate con la Polizia locale, nasce da un’esigenza di controllo e sicurezza che ci è stata manifestata dalla scuola e dai genitori - sottolinea Madonini -. Considerando gli spazi limitati a disposizione e le problematiche spesso generate dal traffico e dalla sosta impropria dei veicoli, abbiamo individuato una soluzione che, senza stravolgere le dinamiche di circolazione, eliminerà le situazioni di pericolo e agevolerà la discesa dai bus. Speriamo che questa iniziativa possa anche favorire un cambio positivo di abitudini, incentivando modalità di spostamento alternative all’automobile e favorendo una maggiore autonomia dei nostri ragazzi nel quotidiano tragitto casa-scuola»