Curiosità

Stampa
Come chiedere l'intitolazione di una strada, piazza o altro luogo pubblico
Forse non tutti sanno che enti, associazioni, persone giuridiche o semplici cittadini possono proporre all'amministrazione comunale la denominazione di una nuova via, piazza, traversa o parco cittadino, nonché l'iscrizione di lapidi commemorative, dedica di monumenti e loro realizzazione.
Criteri, modalità e procedure generalmente sono disciplinati dal regolamento sulla toponomastica comunale e sulla numerazione civica. Tale regolamento potrebbe stabilire, ad esempio, che le denominazioni siano conformi alla storia toponomastica della città, rispettino l'identità culturale, sociale e civile della comunità locale e che i toponimi riguardanti persone, episodi, luoghi o altro, benché di rilevanza nazionale e internazionale, siano scelti in funzione dei legami con l'identità e gli interessi della comunità locale.
Potrebbe altresì stabilire che la proposta di denominazione sia sottoscritta da almeno 50 cittadini. Per questo occorre sempre far riferimento al regolamento adottato da ciascuna amministrazione
Quel che è certo è che le richieste devono essere opportunamente motivate e corredate da biografie, in caso di persone, oppure da informazioni storico-culturali per altre denominazioni.
Per facilitare la formulazione delle proposte, le Amministrazioni comunali predispongono un apposito modulo. Su Moduli.it trovate un paio di modelli: fac simile (a), fac simile (b).
L'Ufficio Toponomastica esamina la proposta di intitolazione, tratta l'istruttoria delle relative pratiche e predispone uno schema deliberativo da sottoporre all'approvazione della Giunta Comunale.
La deliberazione della Giunta, una volta approvata, deve essere inviata al Prefetto per l'autorizzazione. Quest'ultimo, su delega del Ministero dell'Interno, può derogare al divieto posto di intitolare vie, piazze o altri luoghi pubblici a persone che siano decedute da meno di dieci anni.
http://www.moduli.it/
 
Come segnalare i disservizi degli uffici comunali
Quasi tutte le amministrazioni comunali, per identificare e correggere i disservizi in tempo reale, o comunque in tempi brevi, cercano di coinvolgere attivamente i cittadini e renderli partecipi della vita organizzativa dell'Ente, invitandoli a fare segnalazioni o a dare suggerimenti per migliorare l'erogazione dei servizi.
Ciò consente di migliorare non solo l'erogazione dei servizi, predisponendo rimedi e azioni correttive o preventive, ma anche la soddisfazione e il consenso dei cittadini attorno alla stessa amministrazione e ai servizi da essa erogati, diffondendo in questo modo l'immagine di un'organizzazione attenta alle esigenze e ai feedback dei suoi utenti.
Abbiamo visto (leggi "Esposti e segnalazioni alla PA") come si possono segnalare fenomeni di degrado urbano (es. discariche abusive, buche e dissesti stradali, lampioni mal funzionanti, ecc.), problematiche riguardanti la viabilità ed il traffico (danneggiamenti dei marciapiedi, deterioramento o mancanza di segnaletica, pericolosità delle piste ciclabili, abbandono di veicoli, semafori non funzionanti, ecc.). presenza di animali randagi vaganti, problematiche riguardanti il verde pubblico o il verde stradale.
Ma si possono anche segnalare disservizi che riguardano l'attività degli uffici del comune e delle aziende controllate: mancato rispetto degli orari di apertura al pubblico, comportamenti irriguardosi degli impiegati, tempi eccessivamente lunghi per il disbrigo di una pratica, inosservanze e inottemperanze nello svolgimento dei compiti da parte del funzionario, difficoltà di accesso a informazioni/servizi, ecc.
Tutte queste segnalazioni possono essere effettuate compilando uno di questi moduli [fac simile (a), fac simile (b)] che va consegnato a mano, inviato per fax o tramite posta elettronica all'Ufficio Relazioni con il Pubblico (URP). L'URP trasmette poi le varie richieste agli uffici competenti perché siano esaminate e risolte.

Documenti correlati

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.