Biblioteca Comunale

Servizi e Regolamento

Servizi della biblioteca
  • Prestito libri;
  • Prestito materiale multimediale;
  • Possibilità di richiedere libri sia telefonicamente sia tramite posta elettronica;
  • Interprestito (nel Sistema Bibliotecario Lodigiano);
  • Promozione alla lettura;
  • Prestito a domicilio per persone con difficoltà motoria;
  • Adesione al progetto (Medialibrary on-line);

Diventa nostro amico su facebook cercando "Biblioteca Zelo Buon Persico" 

Regolamento

Regolamento Biblioteca Comunale  - punto di prestito del Sistema bibliotecario Lodigiano (C.C. n.44 del 13/09/07)

La Biblioteca pubblica del Comune di Zelo Buon Persico, servizio informativo e
documentario di base della comunità, è un'istituzione che concorre a garantire il diritto dei
cittadini ad accedere liberamente alla cultura, ai documenti e all'informazione nella
condivisione dei principi contenuti nel manifesto dell'Unesco sulle Biblioteche pubbliche.
A tal fine, avendo aderito al Sistema Bibliotecario lodigiano quale Biblioteca di base,
favorisce la condivisione delle risorse e lo sviluppo della rete bibliotecaria in conformità
alla normativa Regionale e Nazionale vigente ed in coerenza con le linee programmatiche
pluriennali della Regione Lombardia e della Provincia di Lodi.

Art. 1 - Compiti e servizi della biblioteca
1. La Biblioteca Comunale di Zelo Buon Persico è un' istituzione culturale aperta al
pubblico e costituisce unità di servizio del Sistema bibliotecario Lodigiano con la
qualifica tipologica di punto di prestito bibliotecario. I servizi sono forniti sulla base
dell'eguaglianza di tutti i cittadini, senza distinzione di razza, sesso, religione,
nazionalità, lingua, condizione sociale o grado di istruzione.
2. La Biblioteca Comunale assicura, in modo coordinato nell'ambito del Sistema
bibliotecario, i seguenti servizi:
a) promozione dell'uso pubblico del patrimonio librario, documentario e multimediale
proprio e posseduto dalle altre biblioteche appartenenti al Sistema bibliotecario
lodigiano;
b) raccolta, ordinamento e fruizione delle pubblicazioni, del materiale documentario e
multimediale proprio e posseduto dalle altre biblioteche appartenenti al Sistema
bibliotecario Lodigiano
c) raccolta, ordinamento e fruizione delle pubblicazioni, del materiale documentario e
multimediale concernente la storia e la cultura in ambito comunale;
d) prestito interbibliotecario del materiale librario, documentario e multimediale;
e) realizzazione di attività culturali correlate alle funzioni proprie delle biblioteche di
diffusione della lettura, dell'informazione, del libro e del documento;
f) collaborazione, come centro di informazione, alle attività e ai servizi culturali e di
pubblico interesse svolti sul territorio da enti pubblici e privati;
g) si prefigge di sviluppare la conoscenza della storia, delle tradizioni locali e la
promozione del dialogo interculturale;
3. La Biblioteca favorisce l'accesso dei cittadini all'informazione e si fa parte attiva per il
deposito di una copia delle pubblicazioni curate dal proprio Comune.

Art. 2 – Compiti del Comune
1. La Biblioteca fa capo al Comune. Essa è amministrata direttamente dal Comune
che ne garantisce il funzionamento in conformità alla normativa regionale vigente.
2. In particolare il Comune:
a) formula, sentita la Commissione di cui al successivo art.4, i programmi pluriennali
e i piani annuali relativi alla biblioteca individuando gli interventi da realizzare, i
servizi da privilegiare e sviluppare, le ipotesi di cooperazione con soggetti pubblici e
privati mediante la stipula di convenzioni;
b) definisce le previsioni di spesa per gli interventi e i servizi di cui alla lettera
precedente e le relative quote di finanziamento da iscrivere a bilancio;
c) individua le risorse, relativamente al fabbisogno di personale, che consentano
continuità e regolarità nell'erogazione del servizio;
d) provvede alla manutenzione ordinaria e straordinaria dei locali e delle attrezzature
della biblioteca;
e) assicura la continuità dei servizi della Biblioteca adottando orari di apertura al
pubblico rispondenti alle esigenze degli utenti e tali da consentire il funzionamento
del servizio di interprestito ;
f) approva il regolamento della Biblioteca e ne nomina la Commissione;
g) provvede alla qualificazione ed alla formazione del personale favorendone la
partecipazione a iniziative formative, in orario lavorativo, svolte anche da altri enti;
h) Si impegna a rispettare i propri compiti e i relativi oneri finanziari secondo quanto
stabilito dall'atto di adesione al Sistema Bibliotecario del Lodigiano, in base alle
disponibilità del proprio bilancio annuale.

Art. 3 – Personale della biblioteca
1. Il servizio deve essere dotato di personale sufficiente a garantirne continuità e
regolarità e in grado di assicurare la necessaria competenza in materia di
organizzazione, tutela e fruizione del patrimonio librario e documentario;
2. I criteri di selezione del personale, che per la qualifica di Assistente di Biblioteca
necessita di essere in possesso di diploma scuola secondaria di secondo grado,
devono consentire la massima valorizzazione dei titoli di studio, scientifici e di
servizio , attinenti alle possibilità di svolgere tutte le operazioni connesse alla
gestione della Biblioteca.
3. La responsabilità del servizio è da attribuirsi all'Assistente di Biblioteca in
osservanza delle indicazioni del Responsabile Comunale del Servizio Cultura;
4. In particolare l'Assistente di Biblioteca:
a) esercita le funzioni tecniche ed organizzative inerenti l'attività ordinaria della
biblioteca assicurandone il funzionamento e l'erogazione dei servizi;
b) elabora i programmi annuali o pluriennali del servizio;
c) svolge, in modo coordinato nell'ambito del Sistema,le funzioni inerenti l'acquisizione
e la fruizione del materiale librario e documentario;
d) funziona da referente per il servizio nell'ambito del Sistema Bibliotecario Lodigiano;
e) coordina l'attività di eventuale personale di carattere volontario( volontari iscritti alle
locali associazioni di volontariato, volontari facente parte dei progetti comunali di
utilità sociale e operatori del servizio civile).
5. L'impiego di eventuale personale volontario, è da intendersi come di supporto
propositivo ed organizzativo nella gestione del servizio.

Art. 4 – Commissione della biblioteca
1. E' istituita una Commissione con compiti:
a) propositivi e consultivi in ordine al programma della biblioteca formulato dall'Ente
Locale;
b) di verifica sull'attuazione dello stesso e sull'applicazione del regolamento della
biblioteca;
c) esprime il proprio parere sui programmi annuali o pluriennali, avanza proposte in
merito, e verifica l'attuazione degli stessi;
d) propone obiettivi da raggiungere, in merito ai programmi annuali o pluriennali;
e) verifica l'attuazione del regolamento della Biblioteca;
f) può proporre modifiche al regolamento per quanto attiene al proprio funzionamento;
g) di collegamento con l'utenza e di espressione e trasmissione delle sue esigenze
(organizzazione di incontri con scuole, associazioni culturali).
2. La Commissione è composta da:
- Sindaco o Assessore delegato dal Sindaco, componente di diritto;
- Un consigliere comunale o suo delegato, per ciascun gruppo consiliare di
minoranza in equivalenza al gruppo di maggioranza;
- L'Assistente di Biblioteca, con compiti specifici di consulenza e con voto consultivo;
- Il Funzionario Servizio Cultura Comunale e/o suo delegato, in qualità di
verbalizzante senza diritto di voto.
3. Tutti i membri della Commissione svolgono la loro funzione a carattere gratuito,nel
medesimo spirito di servizio pubblico che anima le prestazioni della Biblioteca
Comunale.
4. La Commissione della Biblioteca viene convocata dal Presidente (eletto nella prima
assemblea) o su richiesta di almeno tre membri elettivi e/o eccezionalmente dal
Sindaco e/o dall'Assessore delegato dallo stesso.
5. Le riunioni hanno validità quando sia presente la metà più uno dei membri in carica,
e le decisioni vengono prese a maggioranza semplice dei membri presenti con voto
deliberativo.
6. La Commissione resta in carica per un periodo equivalente alla durata del mandato
dell'Amministrazione Comunale.

Art.5 – Apertura al pubblico della biblioteca
1. L'orario di apertura al pubblico è stabilito con provvedimento del Funzionario
Comunale, sulla base degli indirizzi espressi dalla Giunta Comunale, in conformità
a quanto stabilito dalle vigenti disposizioni di legge in materia;
2. Gli orari, così come gli eventuali periodi di chiusura e/o momentanea interruzione,
vanno comunicati al pubblico in modo chiaro e tempestivo.

Art. 6 – Patrimonio e ordinamento delle raccolte
1. Il patrimonio della biblioteca è costituito dal materiale librario e documentario su
qualsiasi supporto, cataloghi, inventari e basi dati, attrezzature, arredi, opere
artistiche, immobili destinati ad ospitarne le strutture.
2. Il materiale librario e documentario è organizzato in sezioni e fondi, omogenei tra
loro, e tali da consentirne la conservazione favorendone, al contempo, l'uso e
l'accesso.

Art. 7 – Incremento delle raccolte
1. Le raccolte devono essere incrementate, garantendo una percentuale di incremento
annuo del patrimonio librario e documentario che consenta il rispetto degli standard
bibliotecari indicati dalla Regione e dalla Provincia.
2. Possono essere incrementate anche per doni e per scambi , purchè
preventivamente valutati e autorizzati dall'Assistente di Biblioteca e dal Funzionario
dell'Uff.Cultura .
3. La scelta dei materiali librari e documentari per l'incremento del patrimonio della
biblioteca è affidata all'Assistente della biblioteca con supervisione del Funzionario
Comunale, in riferimento all'utenza, alle caratteristiche e finalità del servizio. La
programmazione deve anche tenere conto delle risorse condivise con le altre
biblioteche.
4. Qualsiasi utente può proporre l'acquisto di materiale librario e documentario non
posseduto dalla biblioteca. Le proposte vengono vagliate come al precedente
comma 3 ed accolte, alla luce delle disponibilità finanziarie comunali, e se coerenti
con le finalità del servizio e le caratteristiche delle raccolte.

Art. 8 – Donazione e lasciti
1. L'accettazione di eventuali lasciti di fondi librari organici, o di particolare pregio, a
favore della biblioteca è subordinata all'accettazione da parte dell'Amministrazione
comunale, sentito il parere del Funzionario dell'Uff.Cultura.
2. Per la donazione di opere singole, o comunque costituenti fondo non omogeneo,
provvede l'Assistente di Biblioteca che, al fine dell'inserimento nel patrimonio della
biblioteca, ne vaglia lo stato e la conformità alle caratteristiche delle raccolte, sentito
il parere del Funzionario dell'Uff.Cultura.

Art. 9 – Inventari, registri e cataloghi
1. La Biblioteca conserva e aggiorna, su supporto cartaceo e/o magnetico e tramite il
sistema operativo telematico in rete con il SBN , i seguenti inventari e registri:
- registro cronologico d'entrate;
- registro degli iscritti al prestito;
- registro delle opere scartate o smarrite;
2. Pone inoltre a disposizione del pubblico, cataloghi, su supporto cartaceo o
informatico in rete, organizzati in modo tale da rendere pienamente accessibile la
conoscenza delle proprie raccolte ed il patrimonio del Sistema Bibliotecario Lodigiano.

Art. 10 – Procedure di catalogazione e classificazione
1. Tutto il materiale librario, documentario e multimediale ammesso a far parte del
patrimonio deve essere assunto in carico in appositi elenchi e registri.
2. La catalogazione delle opere è affidata al centro di catalogazione del Sistema
Bibliotecario del Lodigiano che ne curerà l'esecuzione in conformità con le
procedure elencate nell'apposita carte dei servizi elaborata dal Sistema stesso, e
resa disponibile in rete per l'accesso di ogni Biblioteca afferente al SBL.

Art. 11 – Conservazione e revisione del patrimonio
1. il Bibliotecario provvede a controlli e verifiche periodiche dello stato delle raccolte
assicurando, nel contempo, tutti quegli interventi necessari ad assicurare la
conservazione, anche fisica, del patrimonio.
2. Operazioni di riproduzione del materiale su supporti non cartacei, a fine
conservativi, vanno concordate con i competenti uffici della Regione Lombardia ed
eseguiti a norma degli standard vigenti.
3. Periodicamente, al fine di garantire il costante aggiornamento delle raccolte, e sulla
scorta delle indicazioni date dai programmi pluriennali Regionali e Provinciali, la
biblioteca effettua operazioni di revisione del proprio patrimonio.
4. A seguito della revisione deve essere avviato allo scarto (con eliminazione dalla
catalogazione) il materiale giudicato inservibile o superato.
5. Per le modalità operative si farà riferimento a quelle elaborate in ambito di Sistema.

Art. 12 – Consultazione in sede
1. La consultazione in sede delle opere collocate a scaffale aperto è libera, mentre
quella del materiale non direttamente a disposizione degli utenti avviene nelle
modalità previste per il tramite degli addetti alla distribuzione. Sono esclusi dalla
consultazione i materiali non riportanti il timbro della biblioteca.
2. Al momento della cessata consultazione l'utente deve restituire il materiale al
personale.
3. Chi desidera che l'opera consultata rimanga disponibile deve farne richiesta. Se
non richiesta dopo il secondo giorno dal deposito viene ricollocata al suo posto.
4. L'accettazione di richieste di opere non direttamente a disposizione degli utenti
cessa 15 minuti prima della chiusura.

Art. 13 – Iscrizione alla Biblioteca e Prestito a domicilio
1. Il prestito è un servizio gratuito assicurato dalla Biblioteca a tutti i cittadini
regolarmente iscritti.
2. L'iscrizione alla biblioteca avviene mediante la presentazione di un documento di
identità in corso di validità e codice fiscale; i dati personali richiesti agli utenti
verranno utilizzati nel rispetto della vigente normativa sulla privacy e finalizzate allo
svolgimento delle funzioni istituzionali previste dal presente regolamento;
3. Tale documentazione verrà inserita all'interno della modulistica in rete del sistema
lodigiano, e dà luogo alla consegna di una tessera personale e non cedibile che
deve essere presentata ogni qual volta l'utente utilizza il servizio di prestito di
iscrizione o in altra biblioteca afferente al Sistema.
4. L'utente è tenuto a comunicare eventuali cambiamenti di indirizzo.
5. Per i ragazzi di età inferiore ai 18 anni l'iscrizione deve essere avallata da un
genitore o da chi ne esercita la patria potestà.
6. L'iscrizione implica l'accettazione delle norme che regolamentano il servizio che
devono essere adeguatamente pubblicizzate e, comunque, facilmente e
liberamente consultabili.
7. Di norma non possono essere date in prestito più di 6 opere per volta. Deroghe a
tale lite sono concesse, in casi eccezionali, a discrezione dell'addetto al servizio di
prestito sulla base di richieste motivate.
8. La durata del prestito è di 30 giorni prorogabili, per identico periodo, su richiesta
avanzata prima della scadenza ed in base alle modalità previste dal servizio.
9. La proroga non è concedibile qualora l'opera sia stata, nel frattempo, prenotata da
un altro utente.
10. l'Assistente di Biblioteca, per ragioni valide e motivate, può altresì chiedere, in
qualsiasi momento l'immediata restituzione delle opere in prestito.
11. Sono esclusi dal prestito:
- materiale di consultazione;
- opere edite anteriormente al 1900;
- materiale raro e di pregio;
- periodici;
- materiale che per ragioni di servizio richieda un'esclusione temporanea.
12. L'utente è responsabile della buona conservazione del materiale preso in prestito
che deve essere restituito nelle stesse condizioni in cui era al momento della
consegna.
13. In caso di smarrimento o grave danneggiamento l'utente è tenuto alla sostituzione
con esemplare identico indicato dal personale della biblioteca o, qualora l'opera non
sia più in commercio, a risarcire il danno sulla base della indicazioni del
responsabile del servizio.
14. Per ritardi nella consegna delle opere che superino 90 giorni dalla data di prestito, e
dopo ripetuti solleciti telefonici e scritti, la biblioteca può procedere all'esclusione
dell'utente dal prestito, per un periodo pari a quello del ritardo.
15. Per i ritardi nella riconsegna delle opere che superino i 90 giorni dalla data di
prestito, e dopo ripetuti solleciti telefonici o scritti, la biblioteca può procedere
all'esclusione dell'utente dal prestito, in tutti i punti del sistema, per un periodo pari
a quello del ritardo.
16. Dopo 3 provvedimenti di carattere temporaneo, l'esclusione potrà diventare
definitiva.
17. Di tali misure verrà dato pronto avviso all'utente.

Art. 14 – Prestito interbibliotecario
1. La Biblioteca del Comune di Zelo Buon Persico svolge un regolare e vicendevole
servizio di interprestito con gli altri punti aderenti al Sistema Bibliotecario del
Lodigiano, in attuazione delle indicazioni annuali emanate dalla Provincia. A tale
proposito organizza i propri orari in modo tale da rendere possibile l'attuazione di
tale servizio.
2. Le opere desiderate possono essere richieste, dall'utente, presso il servizio di
riferimento e secondo le modalità stabilite dallo stesso, o salve ulteriori disposizioni
introdotte dal SBL.
3. Al momento dell'arrivo del materiale , la Biblioteca provvederà ad avvisare l'utente.
Trascorsi 7 gg. Da tale avviso, in caso di mancato ritiro, l'opera verrà restituita al
servizio di provenienza.
4. La durata del prestito è di 30 gg. A decorrere dalla data di consegna all'utente
valgono le norme di cui all'art.14.
5. Titolare della procedura è l'Assistente di Biblioteca che ha effettuato la consegna
dell'opera all'utente.
6. Oggetto del servizio è l'intero patrimonio delle biblioteche del Sistema con le
seguenti esclusioni e limitazioni:
- Volumi esclusi dal prestito, perché di consultazione o per altri motivi, dalle singole
biblioteche;
- Volumi posseduti dal servizio di riferimento ma in prestito;
- Periodici.
7. Eventuali richieste di interprestito con servizi nazionali ed internazionali possono
essere indirizzate alla Biblioteca Centro Sistema. I costi di tale servizio sono a
carico dell'utente.

Art. 15 – Servizio di riproduzione
1. Il servizio di riproduzione è gestito nel rispetto delle vigenti normative sul
dirittod'autore e può comprendere riproduzioni fotostatiche, da supporti non a
stampa (damicrofilm, microfiches, cd rom o altro) o ottenute attraverso accessori ad
internet.

2. Il costo di ciascun tipo di servizio è fissato dal Comune e deve essere
esposto in modo visibile dall'utenza.
3. Il servizio è riservato, con eccezione della documentazione scaricabile via internet,
al materiale di proprietà della biblioteca. Per esigenze particolari può essere
concesso di effettuare riproduzioni, di elementi del patrimonio, all'esterno della
biblioteca dietro deposito di documento d'identità.
4. Di norma non possono essere fotocopiati i volumi ed il materiale a stampa editi
anteriormente al 1900, i materiali che presentino rischi di deterioramento, le opere
che per dimensioni e consistenza della carta possono deteriorarsi, il materiale per i
quali si può ottenere una riproduzione da altro tipo di supporto.
5. Deroghe possono essere concesse dal Funzionario dell'Uff.Cultura in caso di
comprovate necessità.Le riproduzioni fotografiche del materiale della biblioteca, o le
acquisizioni di immagini tramite strumenti informatici, sono possibili previa richiesta
da sottoporre al responsabile del servizio.
6. La riproduzione deve avvenire nei locali della biblioteca ed essere effettuata
utilizzando tutte le cautele atte a garantire la conservazione degli originali.
7. Le spese di riproduzione fotografica sono a totale carico dei richiedenti.
8. Alla biblioteca dovrà essere consegnato i negativo in caso di riproduzione
fotografica o un supporto informatico contenente il materiale acquisito.
9. E' vietata la riproduzione e la diffusione, in qualsiasi forma, di opere (o parti di
esse) di proprietà della biblioteca, senza preventiva autorizzazione da parte della
stessa.

Art. 16 – Norme generali
1. Ogni cittadino ha il diritto di usufruire dei servizi offerti dalla biblioteca a condizione di
osservare le norme previste e garantire il rispetto dei diritti degli altri utenti. In particolare
non è consentito:
- introdurre animali;
- l'accesso ai locali il cui uso è riservato al personale;
- fumare in qualsiasi parte della biblioteca;
- l'uso di cellulari nella sale lettura e di studio;
- l'uso di qualsiasi tipo di attrezzatura senza l'autorizzazione del personale addetto
(tipo: fotocopiatrice, telefono,computer...);
2. E' inoltre vietato danneggiare in alcun modo materiale di proprietà del servizio o portarlo
all'esterno della stesso senza la preventiva autorizzazione del personale.
3. Eventuali danni a materiali della biblioteca vanno risarciti secondo le norme previste
all'art.13.
4. Nei locali della biblioteca deve essere mantenuto un comportamento ed un tono di voce
rispettoso nei confronti dei presenti.
5. Qualora vengano accertate infrazioni al presente regolamento, l'Assistente di Biblioteca
informerà il Funzionario dell'Uff.Cultura che adotterà i necessari provvedimenti.

Art. 17 – Uso dei locali della Biblioteca per altre attività
1. L'uso dei locali della Biblioteca per altre attività promosse da altre istituzioni o
associazioni, aventi finalità inerenti i compiti della biblioteca, deve essere regolato
in modo da non interferire con il normale funzionamento della Biblioteca.
L'autorizzazione viene concessa dal Funzionario Comunale, previa acquisizione del
parere del Sindaco o dall'Assessore di competenza.
2. Per iniziative, non rientranti nelle finalità istituzionali del servizio, la concessione è di
competenza del Sindaco, previa acquisizione del parere del Funzionario Comunale.

Art. 18 – Modifiche al presente Regolamento
1. Ogni modifica al presente Regolamento deve essere deliberata dal Consiglio
Comunale.

Art. 19 – Pubblicizzazione del Regolamento
1. Il presente Regolamento deve essere liberamente accessibile agli utenti del
servizio.
2. Il Funzionario Comunale, adotterà le opportune iniziative per rendere note, agli
utenti, le norme che regolano l'erogazione del servizio.

icon Regolamento Biblioteca

Questo sito utilizza i cookie per migliorare servizi ed esperienza dei lettori. Se decidi di continuare la navigazione accetta il loro uso. Guarda nel dettaglio i termini della legge privacy policy.

Accetto i cookies per questo sito.